Sassusvlei - © Pietro Tarallo

Sassusvlei – © Pietro Tarallo

In Namibia, e in generale in ogni viaggio, è utile incoraggiare i propri bambini a tenere sempre un diario di viaggio. A cominciare dal volo in aereo: check-in, decollo, partenza e via….

Non solo per rileggerlo quando saranno a loro volta genitori e (lacrimuccia!) raccontare quel che facevano con mamma e papà, ma anche per imparare ad annotare luoghi, incontri, avvenimenti, curiosità, paure, divertimenti, avventure, pensieri.

Magari disegnando anche animali e piante (e la Namibia è un posto davvero speciale per imparare questo). Bello e appassionante anche realizzare una sorta di erbario, con i fiori e le rene più singolari che si incontrano, e disegnare gli animali che si osservano. Lo stesso vale per quanto riguarda i numerosi siti archeologici (le maestre a scuola ringrazieranno…).  Il “travel book” che in questo modo si costruirà, abbinato alle foto (altro spunto meraviglioso di apprendimento), servirà a fermare i momenti e fissare i ricordi (“collect moments, not things”). Un’ultima osservazione: per prepararvi, fatelo sin da casa, prima, leggendo libri e guardando insieme filmati dei luigi che si visiteranno. Tutto per consentire ai piccoli viaggiatori di entrare nella nuova realtà che incontreranno.

 

bannerairnamibia2PER PARTIRE:

Air Namibia offre voli giornalieri diretti da Francoforte per Windhoek.  Air Namibia è la compagnia di bandiera della Namibia con hub presso l’aeroporto Internazionale Hosea Kutako di Windhoek. Per visitare la Namibia le partenze sono consigliate in ogni periodo dell’anno. I prezzi partono 700 euro a persona.  Tutte le informazioni sui voli Air Namibia  qui.

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Tag: , , , , ,
Pubblicato in: Africa, Namibia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo