C’è un posto che mi è rimasto nel cuore. Tra i cento viaggi fatti e i mille posti visti, questo è rimasto uno di quei luoghi a cui ogni tanto ripensi, come un amico del cuore di quando eri piccolo, o un piatto prelibato assaggiato solo una volta, o un fidanzato del liceo mai più incontrato. Ecco, Tarifa per me è questo.  Insieme vento, caldo, spagna, estate, mare, colori sapori odori del mediterraneo puro, vista sul Marocco. Che ti guarda ogni mattina.

Proprio sulla punta della Spagna, di fronte al Marocco.In una posizione geografica unica,  l’Africa è lì che ti guarda, a meno di 15 chilometri di distanza. E spiagge infinite. Banditi gli ombrelloni e le sdraio, qui la natura e la vita al mare è selvaggia e ventosa, tutto quel che si usa sulle spiagge di casa (nostra) è superfluo.

Dieci motivi per non perdere questa destinazione, prima che diventi la St Trop andalusa.

 

  • kite surfers da tutto il mondo: vento, onde, mare, sport, salute, avventura. Tarifa è la capitale del vento d’Europa: ci arrivano appassionati anche da oltreoceano e anche per chi non è sfiorato da ambizioni sportive, vedere le vele in ogni angolo di mare e di cielo è un’emozione oltre che un quadro dai colori straordinari.
  • un paese bianco con mura medievali, piazze con fiori d’arancio e fontane zampillanti, da vivere con ritmi rilassati
  • i venditori di fichi d’india alle porte del paese (provateli, sono un pranzo ipocalorico e ipersano)
  • ristorantini con tapas spagnole e paella in ogni angolo
  • un brunch che passa alla storia, al Cafè Azul. In pieno centro. Un batido con mango cannella miele e yogurt che difficilmente si dimentica, ma anche buonissimi i croissant marmellata e mantequilla.

 

Se dopo le spiagge le passeggiate e una prova di surf avete ancora voglia di girare, niente di meglio.

Con la macchina arrivare fino a Zahara de los Atunes, piccolo centro di pescatori, con distese di sabbia (sembra oceano) e cabanas per massaggi.

Fino a raggiungere la vicina Vejer de la Frontera, uno dei più pittoreschi pueblos blancos, su una rocca di 200 metri. Luminosa e immobile, incredibilmente bianca per la calce con cui sono fatte le case.

COME ARRIVARE:

Si prende un low cost Vueling o Rynair per Siviglia o Malaga e da lì con una macchina in affitto scendere fino a Tarifa. Considerare sui 200 euro a persona andata e ritorno.

 

DOVE DORMIRE

Un posto, sopra tutti: il Dar Cilla. Una signora olandese con una storia commovente, con la sua tartaruga e la nuora deliziosa. Tutti a gestire questa meravigliosa casa di charme. Romantico, pulitissimo, la casa che tutti vorremmo avere, con la terrazza che sogniamo. Meno di 150 euro a notte anche in piena estate.

 

Ma anche:

La casa de La Favorita, bellissimo hotel di charme nel cuore del centro storico di Tarifa. Prezzi a camera anche a meno di 100 euro a notte.

 

 

Allo stesso livello di prezzi, un vero gioiello candido (pareti, lenzuola, arredi completamente bianche) nel centro storico, magari per un weekend super romantico, o vi sentite particolarmente in vena di regali, concedetevi il Misiana.

 

 

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Destinazioni Europee

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo