Il peripherique non e' posto da turisti.

Forse ci si passa, senza nemmeno farci caso, quando dagli aeroporti arrivi a Parigi. Se non prendi la RER (che sarebbe meglio, comunque).

Chi ci abita invece lo identifica come un incubo. Come la A4 di dieci anni fa, fila unica da Agrate a Bergamo. Per intenderci.

Per raggiungere la Longines Academy e assistere agli ottavi di finale oggi il peripherique e' diventato anche il nostro incubo.

Molto da Parigini quindi. Chiacchieri, osservi, senti la musica. Fotografii graffiti e li accoppi, sorpresa, con la pubblicità da anniversario della Disney. Curiosa.

Vedi la Cite Universitaire dal finestrino. E la Tour Eiffel.

È pensi al XiV arrondissement, a quanto Parigi sia poco conoscibile davvero fino in fondo, e che se vuoi davvero scrivere mammamiporti a Parigi, allora devo prevedere di starci un altro mese e girare in maniera ordinata i quartieri e scovare le novità per ogni zona, consigliare il non scontato.

Pensi che si è sempre in tanti posti insieme, dipende da con chi sei come stai cosa cerchi e cosa guardi.

Anche il peri (il peripherique per chi ci vive) può diventare occasione di riflessione e non di incubo, di ascolto e non di ansia.

Se sei li con persone simpatiche in un pullman e sei curiosa di ascoltare le loro storie e le loro esperienze. Se sei li con la pulce che ti si addormenta in braccio e respira dolce e sogna sopra di te, se lo percorri con un innamorato mano nella mano sul cambio della macchina.

E poi arrivi all Accademia, e rivivi i sobborghi, la vita di tutti giorni, rivedi la periferia e lo sforzo di diventare grandi. La passione per qualcosa, lo sport come sfondo. Gli sponsor che li accompagnano, sostengono, vivono. Esortano.

C'est marin.

 

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, Destinazioni Europee, Francia, Imparare divertendosi, Sopra i dodici anni, Sport & travel, Vacanze shopping
Un commento su “Ma un traffico così..nemmeno a New York il venerdì sera al drive time
  1. Andrea Trentini ha detto:

    Guarda il report “Congestion Index”:
    http://www.tomtom.com/en_gb/congestionindex

    Parigi è settima, Milano solo ventesima 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo