Roma vista dal PincioIn questa parte della mia vita Roma è sempre più frequente. Ogni volta mi stupisco. Chiese e palazzi, musei e monumenti, scavi e storia che si uniscono a un’offerta straordinaria di hotel e ristoranti. Di eventi e prime cinematografiche. Di politica e cultura.

Quasi una specie di paese dei balocchi e di mondo fantastico per chiunque, per ogni tasca, in qualsiasi stagione, per ogni gusto.

La mia classifica, per un weekend di aprile (ragazze ci siamo, Pasqua è dietro l’angolo). 

1. Passeggiate per i Fori Imperiali, indiscutibilmente uno dei luoghi più belli del mondo.

2. Di notte ammirate l’Altare della Patria, illuminato dalle luci alogene. Improvvisamente e magnificamente maestoso.

3. Camminate a Villa Borghese, incontrerete i romani che fanno jogging e giocano con i bambini oppure leggono il quotidiano. Alessia Marcuzzi ci passa i interi pomeriggi con Mia, e così Katia Pedrotti con la sua Matilda o Ilaria Spada con Ettore. Mamme a raccolta!

4. Come in Vacanze Romane, percorrete su e giù Via Margutta (casa di Federico Fellini e Truman Capote). E’ al numero 51 che Audrey Hepburn ha iniziato il suo amore fugace con un corrispondente americano, tal Gregory Peck .

5. E come in Vacanze Romane affittate una vespa (lo fa anche Moretti in Caro Diario, no?). Magari perdetevi per i quartieri meno turistici: Prati o Monteverde (o La Garbatella di Nanni). Rivolgetevi per il noleggio da Bici & Baci: in  Via del Viminale 5.

6. Oppure come Matt Damon e il talentuoso e amorale Tom Ripley attraversate Piazza Navona pronunciando anche voi la frase clou del film: ” Non sono mai stato più felice, mi sento come se fossi stato consegnato una nuova vita” Che non sia esattamente così anche per voi?

7. E a proposito di Mr. Ripley e della sua biondissima protagonista Gwyneth Paltrow, per lei (e anche per l’altra biondissima Grace Kelly addirittura in luna di miele) sappiate che il suo albergo preferito guarda Piazza di Spagna. Un classico. Una vera magia al tramonto. PS: l’hotel si chiama Hassler. Concedetevi (almeno) un aperitivo.

8. Arrivate a notte fonda davanti a Fontana di Trevi, magari dopo una cena. Se amate i giapponesi non perdete Hamasei, in Via della Mercede. Immaginatevi (con) Anita Ekberg nella notte più indimenticabile del cinema italiano.

9. La visione imperiale del Colosseo. E la visita. Obbligatoria. Anche Obama è rimasto affascinato. Voi non sarete di certo da meno.

10. Il Vaticano e la Cappella Sistina. Domenica d’obbligo. Quella di Pasqua, ancora meglio. Oltre a essere personalmente presenti alla Santa Messa recitata da Papa Francesco nella favolosa Piazza San Pietro, ad aprile (il 27) anche la canonizzazione di Giovanni Paolo II.

 

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Tag:
Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Imparare divertendosi, Italia, Sopra i dodici anni, Sotto i tre anni, Viaggi in città

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo