Spinta dalla trama, ieri, la pulce e io, siamo state a vedere “Viaggio sola”: Margherita Buy, alias Irene è un’ispettrice di alberghi di lusso, un’ospite a sorpresa che valuta gli standard di eccellenza delle strutture in cui si reca per alcuni giorni. Prima Toscana e Puglia, ma anche Marrakech, Berlino, Shangai e il mitico (ora chiuso!) Hotel de Crillon di Parigi.

Ora, chi mi conosce sa che ho sempre detto che questo è il mio lavoro ideale. Ho ritagli di giornali (tra le mie occupazioni preferiti) di ricerca personale, di procedure alberghiere, di stancard de eccellenza e co. Come dice un mio amico, ognuno in fondo ha le sue perversioni… (oddio, devo pensare se questa è proprio da pazza o meno. Ma in ogni caso credo che Lui possa stare tranquillo, meglio questo che altro).

Tanto già faccio tutto quello che viene descritto: controllo polvere, controllo lenzuola, valutazione camerieri e disponibilità concierge, e chi più ne ha più ne metta. Un incubo. O un pregio. Dipende (come sempre) dai punti di vista.

Il film, se non fosse per il fatto che si vedono alberghi dove vorrei andare ogni giorno della mia vita, è assolutamente scarso, una grande sponsorizzazione della Leading Hotels of the World (meglio che altro, a dire il vero, capirete che se fosse stata i Logis sarebbe stato meno attraenet – ma forse più divertente).

Corto (un’ora? d’altra parte è una pubblicità), noioso (qual è la storia?), prevedibile. Ah ovvio, anche gli attori son stati ben scelti perchè se anzichè Accorsi e la Buy ci fossero stati due sconosciuti in quel film anzichè la sala piena delle 5 di pomeriggio avrei trovato 2 file riempite a malapena.

Lato positivo: età media degli spettatori 65, quindi abbassavo la media, con Valentina poi arrivavamo ai 40 forse.

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Lo sapevi che...
Un commento su “Il lavoro più bello del mondo
  1. pietro ha detto:

    Ottimo articolo, ne farò un punto di riferimento, chissà che quanto letto non possa aiutare anche me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo