Buoni propositi. Giocare a tennis tutti i giorni. Voglio dire: si lavora, si scrive una guida, si postano i blog (evviva chi me li legge, evviva chi me li chiede). Ma poi anche un po’ di svago no? Illuminazione: tennis. Piace a me piace a loro costa poco e a NYC se ne troveranno anche di vicini (ma poi: vicini a cosa? siamo di mattina su su e di pomeriggio giu giu – a Manhattan intendo).

Fatto sta che come per le scuole d’inglese e i camp estivi è iniziata la ricerca.

Si inizia dalla vista sull’Hudson, la mia preferita. Con il Riverside Clay Tennis Club. Dalle 7 di mattina alle 8 di sera, con camp estivi per bambini, lezioni private, e campi liberi.

Poi, subito dopo, la preferenza va a Central Park: 26 campi dico 26. Si deve arrivare almeno un quarto d’ora prima dell’ora prenotata, se no c’è la dfila di chi comunque è in lista d’attesa…). Si chiedono i permessi per accedervi free al NYC parks.

Infine, le modaiole lo ameranno, il Washington Market Park, a Tribeca. Assomiglia a un Club privato, ma è anche questo free con il permesso di cui sopra.

Nel girovagare ho scoperto che c’è anche un albergo con campi da tennis (e piscina) all’interno. Proprio davanti alle Nazioni Unite, palazzone molto newyorkese e molto business (non lo adoro), con giudizi online non uniformi e comunque non eccellenti. Si chiama Millenium, oddio che nome poco personale.

Ps: per la cronaca. Ho iniziato con la copertina, e sto studiando gli indici.

New York, promessa d’amore. Questo sarà l’inizio.

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, East coast, Lo sapevi che..., Nord America, Parchi e parchetti, Sopra i dodici anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo