vienna nataleQuesta è la mia lista dei must-do a Vienna:

1. la ruota panoramica al Prater (anche di notte, o di giorno. Forse vale la pena entrambe!)

2. il trenino a carbone sempre del Prater;

3. affittare i rollerblades, sempre al Prater, se non nevica ( e ritrovarsi newyorkesi in Austria);

4. un brunch domenicale al museumQuarter, anche denominato MQ (in inverno con padiglioni “di ghiaccio”);

5. la casa di Hundertwasser;

6. una cena in un Heurigen nel quartiere di Grinzig;

7. la visita alla Schmetterlinghaus (casa delle farfalle);

8. Schonbrunn, in qualsiasi stagione, per qualsiasi motivo;

9. Una sacher, anche da portare a casa da nonni e amici, fa sempre una buona (in ogni senso) figura (se poi la comprate all’hotel Sacher, ancora meglio). PS: la sacher potreste anche comprarla online.

Abbastanza vicina per arrivarci in macchina, treno o anche con un breve volo in aereo, Vienna a Natale si illumina con le candele e le ghirlande di luci, si profuma di cannella, zenzero e pan pepato, si addobba musicalmente in ogni angolo di melodie natalizie.

E a proposito di castelli e delle piccole principesse al seguito (anche meno piccole, le mogli si sa per esempio son TUTTE principesse!) Schonbrunn è davvero una meta imperdibile, soprattutto in questo periodo. Nel cortile d’onore della reggia ex residenza di Sissi, decorazioni e luci, Natale è in ogni angolo.

Dedicato a loro, il Museo interattivo per i bambini, allestito nell’ala occidentale del castello, dove i più piccoli potranno scoprire i segreti della vita a corte: come vivevano principessine e principini? E’ compreso il travestimento finale. Sempre a Schonbrunn, al Panificio imperiale Residenz, i giovani pasticceri decorano e preparano biscotto di pan di zenzero.

 

 

Dove dormire:

Al design hotel a quattro stelle superior Lamée .

 

COME ARRIVARE

Aereo

Austrian Airlines offre numerosi collegamenti dall’Italia a Vienna. Atterrano a Vienna diverse volte al giorno voli da Milano, Firenze, Bologna e Roma, e diverse volte alla settimana voli da Roma.

In macchina

Dall’Italia il punto di accesso più noto e utilizzato per accedere in Austria è il Brennero. Si raggiunge con la A22 che unisce Bolzano a Innsbruck. Da qui si prosegue per Vienna (distante circa 470 km).

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Austria, Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Destinazioni Europee, I posti delle favole, Mostre e musei, Peccati di gola (food and travel), Sopra i dodici anni, Sotto i tre anni, Vacanze shopping

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo