Complice la mia attività (ormai assodata) di ” destination wedding planner” (continuo a sostenere che il vero futuro dei matrimoni e' qui), ho fatto una “site inspection” al Cap Juluca di Anguilla.

Negli ultimi mesi due coppie italiane (ormai amici davvero) hanno deciso di venire qui a coronare il loro sogno d'amore e ho voluto approfondire di persona dettagli, location, offerta, sguardi colori e sapori. Da lontano, via Skype e mail, mi aveva aiutato Verna con Monica (meravigliosa).

Le pulci, annebbiate dalla library con connessione internet e aria condizionata a mille, hanno volentieri accompagnato il dovere. E mi hanno aspettato silenziosi (fin troppo).

Mi sono anche concessa una lezione di tennis con Sean, istruttore anguillano. Se il resort e' come lui, premetto sfinita e sudata (la password della settimana e “sweat baby sweat”), promette bene.

La spiaggia e' da mille e una notte, i colori sono da senza parole. Oserei dire, insieme a Shoal Bay e Rendezvous, il podio dell'isola.

Alcune vicende proprietarie degli ultimi anni hanno portato alla chiusura di alcune parti e ristrutturazione di altre. Sessantacinque camere aperte tra pool suites, suites, junior suites e luxury rooms, tutte rigorosamente con vista mare. Tre ristoranti con un diverso ambito: dal blue sulla spiaggia, per spuntini informali e veloci, allo spice al pimms, eleganti e aperti solo alla sera. Per i matrimoni organizzano composizioni floreali e illuminazioni con tiki torches e candele, tessuti e colori. Passerelle di fiori e candele. In diversi punti dell'isola, con netta prevalenza per la spiaggia. E ci credo.

Per le pulci in accompagnamento, oltre al business center che vorrei dimenticare, troverete: libri, catamarani, tennis, banana boat, attrezzature per snorkelling, e una spiaggia meravigliosa in cui raccogliere le conchiglie più bianche che avrete mai visto.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Caraibi, Centro e Sud America, Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Le meraviglie del mare e degli abissi, Sopra i dodici anni, Sport & travel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo