Vi ho già detto che torno negli USA? destinazione la città dell’eterna primavera.

Ogni mattina di quattro anni fa, quando mi e’ stato regalato un viaggio proprio qui, mi son chiesta  perché non abitassi proprio qui. In una casetta di Coronado. O di la Jolla.

Mi riferisco a San Diego, qui dove gli Stati Uniti tendono prepotenti verso il Messico. Una città di frontiera. Protesa verso la tierra mexicana, e che profuma di mare, chili, tortillas.

Il confine con Tijuana è a due passi, e la fila interminabile di auto (che arrivano da Tijuana al confine) è lì a farti percepire questa sensazione di civiltà tradizioni e culture che si fondono.

Ti svegli al mattino, appunto, e rimani inondata dal dolce calore e dalla brezza marina e poi scegli una spiaggia, per qualche ora.

E allora come resistere alla Tourmaline Surfin Beach a sud e alla Torrey Pines State Beach, a nord? Amate dagli amanti degli sport acquatici e soprattutto da chi fa surf, sulle loro onde cavalcano anche i surfisti più piccoli e meno esperti.

E poi torni verso luoghi vicino all’Europa, quando ti concedi una passeggiata nel centro storico, per scoprire l’epopea della conquista spagnola nell’Old Town San Diego State Historic Park, un complesso di edifici d’epoca, che facevano parte dell’antico insediamento. Washington Square (Old Plaza) con la Casa de Pico, il Bazaar del Mundo, mercato dove comprare magliette colorate e oggetti dell’artigianato messicano, e ristoranti, dove gustare le specialità messicane. O nel Balboa Park (balboapark.org.), polmone verde della città. Il suo planetario fa partecipare i visitatori a spettacoli sull’astronomia abbinati a proiezioni Omnimax (tecnica di film a 360° su schermo semisferico).

Due le destinazioni a tu per tu con gli animali, anzi tre:

– lo zoo , uno dei più importanti del mondo, sorto nel 1922. Su un’area di 40 ettari vivono 4000 animali appartenenti a 800 specie diverse, e vi è un giardino botanico con piante rarissime provenienti da ogni parte del mondo. Nove aree principali che riproducono fedelmente i vari ecosistemi della Terra, dove vivono le principali specie autoctone. Con lo Skyfari, panoramica seggiovia, si attraversa lo zoo da est a ovest!

– il Sea World , 5.500 animali tra cui foche, otarie, pinguini, delfini, squali e altri mammiferi marini. In un grande acquario nuota la famosa orca Baby Shamu che insieme ad altre sue compagne costituisce la maggiore attrazione del Sea World

– il tour del porto (sealtours.com), con la visita alla colonia di foche. Magico

 Come arrivare

Mediamente occorrono 14-15 ore di volo dall’Italia. Ideale uno stop a NY dall’Italia, poi la traversata degli USA fino a San Diego (6 ore di volo). Oppure dall’Europa su Los Angeles e da lì con la macchina, in un paio d’ore.

Info

California Travel and Tourism

 

Dormire

Il The Grand Del Mar camere e giardini bellissimi, servizio all’altezza, camere familiari. Kids are very welcome!

Oppure il Pacific Terrace, proprio sullo Strand, vista magnifica e servizi dedicati alla famiglia, anche quelle numerose.

Infine Coronado, una chicca meravigliosa per una vacanza alternativa sulla costa Pacifica.

L’Hotel del Coronado innanzitutto, se trovate posto e il portafoglio non piange troppo, che  ha ospitato nel tempo Presidenti e VIP. Bellissime boiseries e bellissimi arredi, terrazza sul mare e posizione da star.

Alternativa sempre a Coronado il Loews, moderno ed elegante, perfettamente pulito, staff competente e disponibile.

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Tag: ,
Pubblicato in: Nord America, Sopra i dodici anni, Viaggi in città, West Coast

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo