Cosa andate a fare da Tiffany sulla quinta? Davvero cambia se siamo a New York, Milano, Parigi?

Ci sono passata stamattina e mi chiedevo perché mai la gente si fermasse a fare le foto davanti all’entrata di quello che a New York ormai assomiglia più a un grande magazzino del gioiello che altro.

È così per Bergodorf. Ho fatto lo sforzo di andarci e di salire tutti i piani. Nemmeno un’illuminazione (un momento si, pensavo che ci sarebbe stata, con i saldi del cinquanta su tutte le scarpe. Ma subito dopo, visti i modelli, pur di nomi come Manolo e Jimmy, lasciate stare). Assolutamente nulla.

Anche Abercrombie e’ un mistero per me. Ma questo riguarda anche Milano. Curiosa di sentire osservazioni a proposito e capire il perché di questo successo (a parte la bellezza ostentata dei commessi, che son d’accordo e’ un bel vedere. Ma avete a caso fatto anche qualche domanda per testare la qualità del servizio?)

Alla larga insomma dai grandi centri commerciali, godete i le stradine del Village di Noho, Nolita, Tribeca e scoprite da sole il negozio per cui perdere la testa. Ognuna, come per i fidanzati, avrà il suo preferito.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, East coast, Nord America, Sopra i dodici anni, Vacanze shopping

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo