• Vienna con i bambini. Natale è qui

    Questa è la mia lista dei must-do a Vienna: 1. la ruota panoramica al Prater (anche di notte, o di giorno. Forse vale la pena entrambe!) 2. il trenino a carbone sempre del Prater; 3. affittare i rollerblades, sempre al Prater, se non nevica ( e ritrovarsi newyorkesi in Austria); 4. un brunch domenicale al museumQuarter, anche denominato MQ (in inverno con padiglioni “di ghiaccio”); 5. la casa di Hundertwasser; 6. una cena in un Heurigen nel quartiere di Grinzig; 7. la visita alla Schmetterlinghaus (casa delle farfalle); 8. Schonbrunn, in qualsiasi stagione, per qualsiasi motivo; 9. Una sacher, anche da portare a casa da nonni e amici, fa ... Leggi il resto
  • Napoli con i bambini. Parte 2

    Dicevamo. Seconda tappa a Napoli (da intrecciare con le altre tre):le pizze e il mangiare! Provate la pizza del mitico Michele, nel rione Sanità (tutti a Napoli vi sanno indicare) La scelta: solo fra due pizze, la marinara e la margherita, ma non è senza motivo che centinaia di persone ogni giorno, napoletani, da cinquant’anni, aspettano pazientemente in fila di entrare ad assaggiare, per una cifra irrisoria (dai 3 ai 4 euro la pizza) tanta delizia. Se andate verso l’una o le otto di sera la fila è almeno di un’ora; il consiglio e di andarci alle 11 del mattino o alle 4 del ... Leggi il resto
  • Mamma mi porti al mare a New York?

    Ci sono tre opzioni per vivere una New York marittima: la prima è spingersi fino a Long Island, magari su fino agli Hamptons. La seconda è vivere una giornata a Coney Island o sulle spiagge dei Queens, proprio vicino a Manhattan. La terza infine è scegliere di rimanere proprio dentro a Manhattan, e affittare una barca vicino a Battery Park e scorrazzare sull’Hudson prendendo il sole sull’acqua, vista Statua della Libertà. Chi l’avrebbe mai detto? Long Island Affittate una macchina, direzione Long Island. Per un giorno, un weekend, o magari anche un mese. I newyorkesi di fretta si fermano a ... Leggi il resto
  • Firenze con i bambini. (Almeno) dieci motivi per farlo

    C’era una volta, raccontava Andersen in una sua fiaba, anche una statua con un porcellino di bronzo, nel cuore di Firenze. Il porcellino insegnava al ragazzino protagonista che Firenze è come un libro di illustrazioni, se lo si vuole sfogliare: per ogni pagina un luogo da scoprire. La statua è anche una fontana e il porcellino assomiglia a un cinghiale. E’ proprio nel centro di Firenze, e, racconta la tradizione, se gli si tocca il naso, e gli si getta dentro la bocca una moneta fin oltre la grata, la fortuna arriverà. Ed eccoci qui, sotto i migliori auspici, a cominciare la ... Leggi il resto
  • Ristoranti a Parma, questi non perdeteveli

    Proprio di fronte al tribunale di Parma, c’e una trattoria, che si chiama appunto Il Tribunale, dove vale la pena venire raccontando ai bambini le specialità del posto. Irrinunciabile la torta fritta con prosciutti di Parma, ma anche il pesto di cavallo scottato (se non siete vegetariani, cosa che mi riguarda ma che non impongo a nessuno!), e per finire una torta della casa (mele e pere, sbrisola doc, o morbida con cioccolato). Il posto e’ esattamente come ci si immagina una trattoria italiana, il cibo buono fresco e abbondante, la location centrale a due passi da via Farini e dalla piazza ... Leggi il resto
  • Costa Smeralda low cost con i bambini. Esiste!

    Non che questa Pasqua ci abbia aiutato con il sole. Speriamo in domani. Mi ero studiata un itinerario perfetto, di quelli che “se c’è il sole siamo in piena estate”. Una Costa Smeralda parallela, dove si può scegliere di andare per una vacanza o weekend senza le lacrime agli occhi ogni volta che si salda un conto. È il momento di riscoprire come la Costa sia ancora, dopotutto, terra di sardi. E di rifugi dalle atmosfere informali e dalle tariffe a portata di piccole tasche. Anche nella mitica Porto Cervo, epicentro della galassia smeralda (i residenti sono appena qualche centinaio d’inverno e centinaia di ... Leggi il resto
  • A Saint Tropez da mamma

    Ok quando si dice St. Trop si pensa a Brigitte Bardot, al jet set, a fiumi di champagne, alla cave du Roy, alla Pamplonne per giovani e belle modelle in cerca di celebrità. Effettivamente, diciamolo pure, i costumi che circolano e le bionde che vi circonderanno sono impegnative, però Saint Tropez può essere una destinazione perfetta per le mamme in vacanza (magari il primo weekend di giungo, dopo la scuola, solo voi due “ragazze”, o voi tre o quattro, ma rigorosamente girls!). E nemmeno da follie da portafoglio, se guardiamo bene. Ma da paradiso per occhi, gusto, relax. Innanzitutto siamo in Francia: ... Leggi il resto
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo