original_1349792510Chi mi conosce sa che impazzisco per gli alberghi.

Che non amo il freddo e la pioggia, ma gli alberghi sì.

Poste queste due condizioni, andare in Irlanda (aiuto! piove più che ovunque!) e a Natale (aiuto! quasi freddo come a Livigno!) rappresenta una sfida non superabile se non richiamata dall’istinto della “proprietaria di albergo” che c’è in me (probabilmente un mio lavoro in una vita precedente).

Non c’è che l’imbarazzo della scelta, qual meraviglia: Contea di Kildare, contea di Donegal, contea di Cork, contea di Clare, contea di Mayo e di Down e di Carlow.

A chi il nome “contea” non suscita poi un immediato senso di calore, campagna anglosassone, camino e profumo di pigne bruciate?

Una selezione, andiamoci (almeno online, non costa niente):

K Club, nella contea di Kildare

Per tutta la stagione festiva, vi regna un’atmosfera da fiaba: ogni camera da letto ha il suo albero di Natale, a tutti i bambini vengono offerti dei doni mentre Babbo Natale arriva sulla sua slitta la mattina del 25 dicembre. Il tutto in una sontuosa cornice, con tanto di fuoco scoppiettante nei caminetti, thè del pomeriggio, e fantastiche attrezzature termali e di benessere (non ci si può lamentare. Loro felici, noi rilassate. E chi ci riporta a casa?).
Ballyliffin Lodge, nella contea di Donegal

Trasformato in dimora di Babbo Natale per l’occasione, un albergo pensato per la famiglia.

Non appena si varca la soglia dell’albergo, gli aiutanti di Babbo Natale si prendono cura di voi.

E poi, intorno, il paesaggio spettacolare di questo estremo lembo dell’isola che contribuisce a rendere l’esperienza veramente indimenticabile.

Hayfield Manor, nella contea di Cork

L’ “Ultimate Christmas” a Hayfield Manor  nella contea di Cork prevede un pacchetto ideale di tre giorni e tre notti di gran lusso con sistemazione nelle stanze iperdecorate di questa storica dimora.

Sempre con camino, sempre alberi di Natale, e poi Babbo Natale che arriva a portare i regali per la felicità delle pulci.

Per chi è già qui, per un Natale molto Irish, due escursioni da non perdere:

Innanzitutto, una delle più insolite attività festive irlandesi: la visita al Laboratorio di Babbo Natale nelle Aillwee Caves, situate nelle profondità del Burren, contea di Clare, dichiarato Global Geopark dall’UNESCO. Babbo Natale e i suoi aiutanti schiuderanno un mondo dalla magica atmosfera, che unisce il Natale alla forza e alla bellezza della natura: una giornata da ricordare (fino alla Vigilia di Natale).

E poi Westport House nella contea di Mayo. Il suo “Winter Wonderland” è una delle migliori esperienze natalizie per i bambini. Comprende una visita speciale alla Grotta di Babbo Natale, ricostruita nel magnifico salone settecentesco della magione.  i bambini vi troveranno la Signora Claus (moglie di Santa Claus) con i suoi racconti, il laboratorio degli elfi, i piccoli aiutanti di Babbo Natale, e sfarzose decorazioni natalizie.

Nota: la vera residenza ufficiale di Babbo Natale quando è in Irlanda, come stabilito nel World Congress of Santas , svoltosi in Danimarca, sono le Mourne Mountains, nella contea di Down. Qui, nel tradizionale cottage, situato in un’area appartata di una delle zone naturalistiche più belle d’Irlanda, i bimbi possono raccontare ed elencare i loro desideri per i doni da trovare sotto l’albero: sarà anche possibile veder Babbo Natale scendere dal camino e poi proseguire con la visita al suo igloo, al laboratorio con gli elfi e dar da mangiare a Rudolf, la renna da naso rosso.

Infine, peccati di gola: i bambini e il cioccolato vanno molto d’accordo (e non solo loro!): il Chocolate Garden of Ireland a Tullow, nella contea di Carlow è una vera e propria fabbrica di cioccolato (quella del film, nella realtà): i piccoli potranno creare una figura di cioccolato con cui decorare il loro albero di Natale, e anche cucinare prima e decorare poi un biscotto al cioccolato da lasciare a Babbo Natale la notte della vigilia.

Consigli pratici:

  • piumino, ombrello, scarpe comode a prova d’acqua sono un must di un viaggio in Irlanda
  • l’aereo è naturalmente il mezzo più comodo per raggiungere l’Irlanda. Il viaggio dura circa due ore e mezza. La compagnia di bandiera è Air Lingus, ma anche Ryanair e Easyjet effettuano voli regolari dalle principali città italiane
  • per mamme e bimbi, leggere prima del viaggio le Fiabe irlandesi, raccolte da Yeats (Einaudi e Newton Comptons), un classico irrinunciabile per entrare nello spirito di fate e folletti dell’immaginario irish.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Tag: , , , , , ,
Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Hotel e Ristoranti, Irlanda, Peccati di gola (food and travel), Sotto i tre anni, Viaggi per tutte le età, Viaggi storici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo