Up to the skyL’estate dei miei 29 anni è stata davvero una sliding door.

Voglio dire, capita poche volte che:

– cambi lavoro a giugno e hai già un lavoro che ti aspetta a settembre

– LUI anche

– niente figli

– ma autonomi (pago io, paghi tu, ma non mamma e papà)

– i genitori stanno bene

– stai iniziando a pensare che forse è LUI quello con cui farai i bambini e costruirai una famiglia e andrai ad abitare insieme

Tutto girava nel verso giusto. Anche la scelta della destinazione in cui perdersi, e forse trovarsi.

Messico, due mesi e mezzo, solo noi.

Il viaggio è stato davvero lungo, avventuroso, economico, divertente. Unico.

Se vuoi continuare continua qui per la parte 1. La prima tappa Milano-Madrid-Città del Messico.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Centro e Sud America, Dai sei agli undici anni, Lo sapevi che..., Peccati di gola (food and travel), Sopra i dodici anni, Tradizione & cultura, Viaggi avventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo