IMG-20130701-00401

A Torino. Per lavoro.

Niente di eccitante, non credo che avrei la fila nel proporlo.

Testarda come mia abitudine mi sono portata dietro le pulci, complice un’amica con residenza nel capoluogo piemontese.

PRIMA REGOLA: non andateci di lunedì. E’ tutto chiuso

SECONDA REGOLA: almeno due giorni (meglio tre)

TERZA REGOLA: i luoghi indicati son (tutti) da non perdere. Li indicherò secondo la mia personalissima classifica.

 

Meraviglioso Valentino, vicino alle rive del Po. Nel tardo pomeriggio una surreale sensazione di vacanza. Jogger, canoe, battelli. Il borgo medievale con ponti levatoi  e torri, se vi va bene concerti.

Mole Antonelliana e Museo del Cinema. Si sale in ascensore fino al tempietto a cento metri di altitudine e si visita il Museo nazionale del Cinema.

Fabbrica del Cioccolato di Guido Gobino: solo di mattina e minimo in 5, da prenotare. Profumi e sapori alla Johhny Depp (intendo la Fabbrica!)).  Impossibile resistere alla deteticissima crema da corpo al cioccolato e scrub abbinato. Ovvio, resistere al resto è totalmente impraticabile.

Museo Egizio. Mummie sarcofaghi statue di faraoni regine e divinità. Nessuno resisterà allo stupore di fronte alla seconda raccota al mondo di reperti dell’antico Egitto.IMG-20130701-00395

Mangiate nel giapponese più trendy di Torino, si sale verso la collina e si arriva allo Shizen. Nessun turista, solo torinesi doc.

Da non perdere poi Eataly, al Lingotto. Dove tutto è iniziato, dove andare osservare e pensare (a come fare).

IMG-20130701-00388

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Imparare divertendosi, Italia, Mostre e musei, Parchi e parchetti, Peccati di gola (food and travel), Sopra i dodici anni, Sotto i tre anni, Tradizione & cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo