Ai bambini piace il concetto di frontiera e di Paese straniero. Il controllo dei passaporti, la dogana. I poliziotti e i cani anti droga. Almeno ai miei piace. Contano con precisione i Paesi in cui sono stati, e li numerano. Conoscono il mappamondo e, complice il mio amore per la geografia, calcolano distanze e giorni che separano un paese dall'altro, se ci si va in macchina, nave, aereo, o a piedi. Ora, il confine messicano da San Diego e' a distanza di passeggiata. Anzi, e' obbligatoria una passeggiata. Le macchine prese in affitto non possono sorpassare la frontiera. Ci sono dei mega parking a basso costo in cui lasciarle e, a piedi, si passa il confine. Se e' vero che al rientro, in macchina, da Tijuana a San Diego la fila e' inquietante (non meno di due ore di attesa), e' anche vero che il senso opposto (da San Diego a Tijuana) non ha nemmeno un posto di blocco (nel senso che passi e nessuno nemmeno ti ferma, un po' come andare da Courmayeur a Chamonix, senza nemmeno il traforo) e che anche il rientro negli USA, a piedi, e da cittadini europei, non presenta nessun problema (ne' di attesa ne' di controlli eccessivi). Tijuana e' un altro mondo. Il contrasto c'e' ed e' questo il bello. Si passa sopra al Rio Tijuana e si arriva alla Avenida de la Revolucion, una lunga strada riempita di botteghe di souvenirs, di asini colorati da zebre e corredati di sombreros a uso turistico (4 dollari la foto ricordo). Si assaggiano le pagnotte appena cotte per la strada e si guardano (un po' inorriditi, un po' sorpresi dal fatto che qualcuno ci deve essere che li compra) le distese di dolci assaliti da api e vespe. Si inizia a contrattare per qualsiasi cosa, in automatico, come se il superamento del confine ti facesse entrare in un altro modo di essere. Tutto vale di meno, obbligatoriamente. Ogni cosa non ha un prezzo definito ma un prezzo a cui ci si avvicina. Due abiti venti dollari, un abito diciotto ma poi quindici e poi dodici. La tentazione di proseguire la Baja California e' quasi irresistibile.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: Centro e Sud America, Dai sei agli undici anni, Lo sapevi che..., Viaggi avventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo