Ricordo quando da piccola mi nascondevo sotto il tavolo in soggiorno, la Vigilia. Sognavo come sarebbe stato il viaggio di Babbo Natale intorno al mondo, quella notte. Sarebbe passato anche da noi. Forse.

Dove viveva Babbo Natale, la sua casa, il suo letto, sua moglie, rimaneva un mistero. Alcuni pensavano che la sua dimora fosse esattamente al Polo Nord, sotto una cupola magica, altri sperduta tra i ghiacci della Groenlandia, forse in una grotta invisibile.

Il posto più probabile, oggi, è nella Lapponia finlandese, vicino a Rovaniemi, a Korvatunturi, in una montagna con la strana forma di orecchie, dove gli inverni sono bui e la neve dura almeno centottanta giorni all’anno.

Sono freddolosa. Freddolosa per me vuol dire che anche quando fuori c’è un’aria tiepida io metto una sciarpa. E che d’estate mi è capitato di accendere il riscaldamento sul sedile della macchina giusto per sentirmi rassicurata da un calore avvolgente.

Ma chi me lo farebbe mai fare di avventurarmi a quelle latitduini? Si deve sempre avere una risposta a questa domanda.

La sorpresa e la meraviglia nei loro occhi. Incontrare Babbo Natale e sentirlo cantare con gli elfi, toccare il pelo delle renne (magiche), fuori metri di neve, l’aurora boreale, gli husky, un rompighiaccio su cui navigare davvero, le candele rosse a illuminare la strada.

Inizia proprio su queste pagine l’avventura. Dalla favola e dai sogni alla realtà.

La realtà è il punto dove si atterra. Rovaniemi. Nel cuore della Lapponia finlandese. Ci si va per dormire, poco altro. Un agglomerato di case squadrate, pochi negozi, ristoranti carissimi, hotel altrettanto.

Ma, la magia, è a due passi: igloo di vetro in cui è possibile dormire guardando le luci della notte artica, anche se ci sono meno venti gradi e il sole sorge solo dopo tre mesi. Ne vale la pena. E’ un posto unico, non replicabile. Qui e non altrove.

Come la loro età. E il portarli lì con te, ritornare bambini, insieme.

Oggi ci arrivano voli diretti da Milano, charter. Alcuni tour operator specializzati propongono pacchetti di pochissimi giorni, anche solo tre. Diventa una meta accessibile.

Appena arrivati, un’unica destinazione. L’Ufficio di Babbo Natale. In finlandese il nome del posto dove sorge l’Ufficio da cui tutti gli anni il simpatico vecchietto spedisce le sue letterine (e altrettante ne riceve) significa “montagna a forma di orecchie”: sono queste le orecchie che servono come satelliti a Babbo Natale per catturare tutti i desideri di grandi e piccini. Si può addirittura toccare la sua barba, che è un po’ più lunga di un semplice pizzetto, e godersi quell’atmosfera magica che accompagna le feste. Incontrare le renne, accarezzarle, e per chi lo desidera, addentrarsi con loro nei boschi di conifere che disegnano i paesaggi.

Oltre all’ufficio di Babbo Natale, proprio di fianco, c’è il SantaPark, una Disney lappone, con attività da parco divertimenti: trenini (il bruco di Gardaland? sì, ma in mezzo alle immense distese di bianco), il giro in slitta “quattro stagioni”, la galleria della principessa di ghiaccio, il globo di neve gigante. Entusiasmante mondo fatato costruito all’interno di caverne sotterranee dove aleggia una calda atmosfera perennemente natalizia.

E Joulukka, il centro di smistamento della posta, rimasta nascosta e in disparte per molti anni. Nascosta tra alberi, in mezzo alla neve. A venti minuti di strada da Rovaniemi. In ogni angolo gli elfi che indicano le strade. Che ti insegnano ad assaporare la magia del Natale vero.

La scuola, quella ufficiale (per diventare Elfi, ovvio!), la scuola (quella vera!) per imparare a fare i biscotti allo zenzero secondo la ricetta originale di Mamma Natale. E il centro di smistamento (l’unico) di tutti i desideri e ordini di Natale dei bambini del mondo.

Per dormire, finchè si è qui, un hotel che è un programma: Santa Claus Holiday Village. Una cornice da cartolina: cottage rossi, legno ovunque, l’immancabile sauna. Piccole slitte a disposizione degli ospiti.

Da sapere curiosare per informarsi leggere di più:

Ente della Finlandia www.visitfinland.com (di cui sono anche i crediti delle foto pubblicate)

Il villaggio di Babbo Natale www.santaclausvillage.info

Il Santa Park www.santapark.com

Rovaniemi www.visitrovaniemi.fi

 

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: A contatto con la natura, Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Destinazioni Europee, I posti delle favole, Lo sapevi che..., Scandinavia, Vacanze Attive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo