leo&cecicrans0803Quando ero piccola la mia famiglia aveva un appartamento qui e i miei fratelli più piccini ci passavano settimane e mesi. Qui ho imparato a sciare. Qui ho fatto la mia prima vacanza da fidanzata.

E qui sono tornata 25 anni dopo, moltiplicata! (eh sì mi sono fidanzata molto presto, ma queste sono le piccole soddisfazioni della vota: tornare qui insieme dà un certo senso di buona pagella).

Un weekend all’insegna della Pasqua (e del cioccolato svizzero), dello sci e degli amici.

A onor del vero ci ero tornata incinta e con i bambini piccoli. Perché è un posto speciale, bello in estate e in inverno, con una miriade di attività adatte ai più e meno sportivi, ai più e meno golosi, ai più e meno spendaccioni.

Siamo a Crans, ecco, intanto.

Valais, Svizzera Francese, nei pressi di Sierre (e infatti si chiama Crans-sur-Sierre).

Da Milano ci si arriva in poco meno (o poco più) di tre ore e mezza, con una meravigliosa strada che vi porterà a superare il passo del Sempione. Magia: la neve perenne, il silenzio immutabile, un convento quasi nascosto, immobile ed eterno.

Un passaggio e un paesaggio che danno ancora più senso al viaggio, quello che io dico sempre essere già parte della vacanza: al scoperta dei luoghi che ci portano lontano dalle nostre abitudini.

Qualche dettaglio organizzativo: come sempre parto dagli alberghi. Per dormire, se siete in famiglia senza budget importanti ma con necessità assolute di pulizia e di sorrisi, soggiornate al Panorama Hotel, ad appena sette km da Montana, a gestione familiare, un tre stelle con cucina e servizi da quattro. Certo non sarete a due passi da Vuitton ed Hermes, ma davvero vi serve esserlo?

Se volete esagerare chiamate piuttosto la mia amica direttrice del Le Crans e regalatevi un weekend romanticissimo nel più bell’albergo di alta montagna che io abbia mai visitato. Lasciate i pargoli ai nonni fratelli amici o tate e fuggite in due, spa jacuzzi e piscina calda, ristorante con vista a 360 gradi su tutte le montagne (non per caso il ristorante si chiama Mont Blanc…). e e ricontte le cime che ci circondano, a contoottanta gradi.

Per chi vuole sciare, affrontate le prime lezioni affidandovi alla scuola di sci di Montana. Ma se siete già sicuri, sappiate che a Cry d’Er c’è un bellissimo snow park che rende felici i più grandicelli e i papà spericolati più dei figli.

Per una cenetta serale, non dimenticate il Burger Lounge (i più buoni veggie and falafel burger mai assaggiati), ma anche la pizza dalla Piccolina e il mitico chapeau della Diligence.

Ah, scusate, non partite senza aver fatto un salto da Taillens e assaggiato (o depredato) filoni di paillasse e tailleul….(vi dico come indizio che ci sono tantissime uvette).

 

  • Share on Tumblr
Tag:
Pubblicato in: A contatto con la natura, Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Destinazioni Europee, Hotel e Ristoranti, Sopra i dodici anni, Sotto i tre anni, Sport & travel, Svizzera, Svizzera, Vacanze Attive, Vacanze in montagna, Viaggi per tutte le età

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo