Diciamolo subito. Qui lo stupore e' dato dal fatto che apri la finestra e nel prato davanti camminano indisturbati cervi cerbiatti asini manguste.

Ti chiedi se sei sul trenino dello zoo di Fasano oppure se son stati trasportati per scherzo ai Caraibi animali montanari. Ti accorgi che educati come sono all'uomo buono e gentile ti si avvicinano come mai potresti altrove.

Di mattina il rumore dietro alla porta del tuo bungalow fronte mare non è l'inserviente che porta gli asciugamani puliti, ma un asino che mangia le foglie del prato davanti.Senza stupirsi alla tua vista, senza allontanarsi di fronte alla tua uscita sulle scale, anzi aspettando la tua carezza.

Siamo di nuovo nel regno della natura, anche se a differenza di Virgin Gorda qui di fronte Saint Thomas ti ricorda della civiltà vicina, e i vicini di tavolo ti ricordano che siamo in America, camicie hawaiane cappellini da baseball cocacola in mano, taglia 4xl e colazioni grasse e abbondanti.

Il resort e' grande, come dicono gli americani “spreaded”, con sette spiagge a disposizione degli ospiti per farsi trasportare ogni giorno in un posto diverso. Trasportare si, perché come alle fermate d'autobus cittadine, qui passa un minibus aperto con fermate in ogni angolo del resort.

Ogni volta mi chiedo come si possa pensare a una vacanza tutta all'interno di un posto senza la curiosità di cosa ci sia fuori. Ogni volta mi riprometto che questa sarà comunque l'ultima, anche se sei invitata, anche se sei ospite, anche se sei comunque ai Caraibi.

Io voglio scoprire, muoversi, voglio uscire incuriosirmi.

Voglio il bagliore e la solitudine di Anguilla, i suoi abitanti scorbutici e gentili, il casino e la terra sulle strade, le case mezze abbandonate e il Beach shak sulla spiaggia di Meadsbay Bay. Voglio ascoltare racconti di chi vive qui e rimanere a leggere il quotidiano locale in un bar locale tra gente locale.

Fatemi dai villaggi vacanza.

Ps: per rigore di verità, sarà che quando si avvicina il rientro da un lungo viaggio sento ogni momento come non vissuto, questo e' un bel posto, si dice sia uno dei più belli dei Caraibi. Sono io che non c'entro nulla.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: A contatto con la natura, Caraibi, Dai sei agli undici anni, Dai tre ai sei anni, Le meraviglie del mare e degli abissi, Lo sapevi che..., Parchi e parchetti, Sopra i dodici anni, Sotto i tre anni, Viaggi avventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo