C'è una piccola isola del mar dei Caraibi, con solo tremila abitanti. La chiamò Virgin Gorda Cristoforo Colombo, per la sua forma incicciottita di donna.

È completamente coperta di vegetazione e la sua cima più alta raggiunge quasi i 500 metri.

Pochi resort, strade curate, un centro inesistente con un approdo per le barche un benzinaio qualche supermercato e le chiese onnipresenti nei Caraibi (le messe durano ore, riuniscono le comunità, e sono occasioni di festa, proprio come probabilmente lo era da noi decenni fa).

Sono le isole dei pirati, quelle vere. Canale di Drake, caverne del diavolo, isola del demonio.

Il Little Dix e' un resort fondato da Rockfeller nel 1964 e ancora oggi come allora. Capanne in cui il lusso e' la natura. Non c'è tv, non ci sono idromassaggi sul terrazzo ne' domotica d'ultima generazione.

Qui ci sei (e ne paghi il prezzo – proprio come per la domotica e la cabana sulla spiaggia con schermo a 50 pollici) perché di fronte hai solo mare e dietro solo palme e foresta, perché puoi lasciare le porte aperte e nessuno ti disturberà mai, perché alla mattina c'è la lezione di yoga con vista oceano e insegnante indiano. Il silenzio e il rispetto. Per gli altri e per la natura. Che regna ovunque.

Non da famiglie, più per coppie. Le famiglie ci sono, ma sono silenziose e nascoste, ricche di viaggi ed esperte del mondo.

Si dorme alle dieci e ci si sveglia alle sei. Si cammina si pensa si legge si sogna.

Adatto a chi vuole scappare dalla civiltà senza esserne spaventato poi.

 

  • Share on Tumblr

Leggi anche:

Pubblicato in: A contatto con la natura, Caraibi, Centro e Sud America, Dai sei agli undici anni, Imparare divertendosi, Le meraviglie del mare e degli abissi, Sopra i dodici anni, Tradizione & cultura, Viaggi avventura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Scegli la tua categoria..
viaggi e cucina con i bambini
sport e viaggi con i bambini
Mamma mi porti? e' distribuito con licenza creative commons (CC-BY-NC) + copyright Cecilia Bernardini de Pace
Tracked by Hobo